In In evidenza, News

L’emergenza sanitaria ha accelerato la digitalizzazione, riscrivendo le regole della competizione tra le aziende, che ora non possono più rimandare. Non si parla solo di utilizzo di tecnologie innovative, ma anche e soprattutto di strategia per il futuro

Tra le eredità che questa pandemia ci ha lasciato c’è senz’altro quella sull’innovazione digitale. Da un giorno all’altro interi settori sono rimasti completamente bloccati, altri hanno lavorato a mezzo servizio e in tutti quanti sono cominciate a emergere esigenze inedite. Senza gli strumenti digitali adeguati, dalle semplici piattaforme per le videochiamate ai software più complessi per l’industria 4.0, sarebbe stato più difficile resistere.

Le aziende che erano già attrezzate hanno sofferto meno questa situazione non ordinaria, permettendo lo smart working, la continuità delle attività, l’accesso ai dati, la salvaguardia di servizi essenziali ai propri dipendenti.

Quello che ha stupito maggiormente è stata la rapidità nello sviluppo delle innovazioni. Molte aziende sono state in grado di riconvertire e aggiornare le proprie tecnologie in pochissimi giorni per fronteggiare l’emergenza, sviluppando progetti, prodotti e servizi con tempi di lancio impensabili fino a qualche tempo fa. Ed è forse questa la testimonianza più evidente di quanto l’innovazione possa fare la differenza non solo in circostanze ordinarie, ma anche e soprattutto in quelle straordinarie.

L’innovazione, la resilienza e la flessibilità oggi sono fattori ancora più importanti che determineranno vincitori e vinti del futuro. L’evoluzione digitale dovrà essere in termini di:

Kirey Group ha solide competenze tecnologiche e di processo nelle principali aree dell’innovazione digitale al centro dei nuovi schemi competitivi.